La signora pendente: tappa o destinazione?

Come minimo credo di aver visitato la città della signora pendente almeno 5 volte.

Le prime volte, con gli occhi da bambina, chiedevo impaurita, ai miei genitori, se la torre sarebbe mai caduta sulla massa di turisti; domandavo loro come mai la gente si prendesse la briga di attraversare i confini per fotografare qualcosa di storto; e riflettevo sul motivo per cui gli italiani si vantassero di quello che credevo fosse un errore di un architetto matto invece di sgridarlo.


Poi, l’ho scrutata con gli occhi di un’adolescente annoiata dalla fine delle vacanze al mare, dalle file per fare foto ricordo, dall’attesa per visitare monumenti e musei.

Successivamente, l’ho visitata con Chri che non l’aveva mai vista: è stato bellissimo vedere lo stupore disegnarsi sul suo volto alla prima vista della torre di pisa. A me, invece, aveva suscitato solamente un sorriso di chi rivede una vecchia amica dopo tanti anni.


E poi, trovandomi già in Toscana, son tornata quest’anno a fare nuovamente visita alla signora pendente.

Eppure il sorriso, che mi aveva suscitato le altre volte, stavolta sembrava più sbiadito.

In un primo momento, dispiaciuta, non ne capivo il motivo.

La torre, così come il battistero e la chiesa, erano stupende come sempre.

Poi ho compreso che la piazza dei miracoli pareva, ai miei occhi, quasi un parco giochi o un set fotografico artificiale di una massa di turisti imbruttiti in pose sceniche per reggere la torre o appoggiarsi sulla torre.


Non fraintendetemi, le foto ricordo ci stanno tutte e le ho scattate anche io per caritá.

Credo fermamente che artisticamente e arhitettura sia una bella città da vedere assolutamente almeno una volta nella vita: peró non mi fa impazzire pensarla come una destinazione finale di un viaggio.

La concepisco più come una tappa intermedia non fine a se stessa; come una piacevole e bellissima sosta  di un itinerario piu ampio; come una giornata che contiene tre foto, due souvenirs, il percorso ad ostacoli tra gli aste selfie, per poi prepararsi per la destinazione successiva.

Annunci

2 pensieri su “La signora pendente: tappa o destinazione?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...